Vigilia della trasferta di Salerno e mister Roberto Breda, ex di turno, parla così alla stampa: “Il messaggio è: crederci sempre. Nello sport, capita spesso di vedere situazioni compromesse che poi si recuperano. La Reggina di Mazzarri, ad esempio, partì da meno quindici ma riuscì a salvarsi. Dobbiamo provarci e fino a quando c’è forza guardare avanti”.

“E’ nostro obbligo restare concentrati sempre e crederci finché la matematica non ci condanna. Ovviamente dovremo fare una partita diversa dall’ultima con il Cosenza, quando non siamo nemmeno entrati in campo. Noi, tranne l’ultima, nella mia gestione abbiamo sempre venduto cara la pelle. Il Presidente questa settimana ci venuto a trovare più volte e ci ha fatto piacere. Ha potuto vedere ogni cosa, la sua vicinanza è importante. Abbiamo fatto una buona settimana di lavoro”.

Sulla trasferta di domani: “A Salerno, da allenatore, non ho mai perso. Ho soltanto bei ricordi della mia esperienza in granata. Quest’anno, all’andata, abbiamo perso ma non giocammo male. La Salernitana è una squadra in salute. L’ “Arechi” è un campo difficile, ma per noi è finito il tempo delle parole, dobbiamo fare vedere una reazione positiva in campo: fare punti e basta”. (p.nac)